Jaeger-LeCoultre – High Jewellery and Art Watches

(EN – IT)

(EN)
Sublimating mechanics. Exalting horological know-how. Arousing emotions and expectations. Desire and fascination. Such are the substantial daily challenges undertaken by the artisans of the Manufacture Jaeger-LeCoultre. All experts in their respective arts, they unite their talents in composing the most remarkable symphonies. Jewellers, enamellers, guilloché specialists, engravers and watchmakers have the gift of creating a subtle alchemist’s blend of techniques and aesthetics, form and substance, gear wheels and decorative motifs, infusing each watch with soul and passion. Like an open book revealing the mysteries of artistry, the new models introduced in 2011 tell the magical tale of an encounter between human beings, beauty and time – thus engraving their story in eternity.

A sparkling parade of natural mother-of-pearl, aventurine, diamonds, enamel and feathers providing a graceful and sophisticated escort for the tourbillons, perpetual calendars, minute repeaters and day/night indications: the new Master Lady collection offers a refined reading of time expressed in the feminine mode. The enamelled pieces are a modern interpretation of an age-old art imbued with the nobility of hand craftsmanship and meticulous care pushed to extremes. The men’s watches treat the horological complications of the Manufacture to a new execution reflecting the infinitely precious nature of time. Each of these new models pays a glowing tribute to these manufacturing crafts that have found their way through time and continue to enrich the Jaeger-LeCoultre in creative new ways.

Master Lady Collection: the eternal feminine
A soft silhouette, sensual curves, innate elegance. In the subtle game of seduction, the new Master Lady collection appears arrayed in its finest adornments. Its timeless shape tames the passing hours in an endlessly dancing circle. The size of the case clothed in steel, pink gold or white gold is adjusted to fit the daintiest wrists. A line of brilliant-cut diamonds highlights its profile flowing through to the lugs. The latter appear in an eminently slender new aesthetic that further accentuates the femininity of this model. An inverted diamond punctuates the crown like an offering placed on the altar of time. The gem-set bezel lights up a refined face swept over by generous bevelled hands. While the chapter ring features rounded contemporary numerals, the dial is adorned – depending on the version – with a central circular guilloché motif, or a marquetry-work pattern of mother-of-pearl, diamonds or feathers. Beneath the grace and purity radiating from these models, fitted with a satin strap or a gem-set gold bracelet, beats a mechanical automatic heart crafted in harmony with the finest Haute Horlogerie traditions.

The Master Lady Night & Day dedicates its 29 mm diameter to a day/night indication at 6 o’clock, reliably driven by Jaeger-LeCoultre Calibre 867A. Its shimmering mother-of-pearl dial is illuminated by diamonds, a refined touch that highlights the watchmaking functions.

Equipped with the famous Jaeger-LeCoultre Calibre 978, the Master Lady Tourbillon, Master Lady Tourbillon Wild and Master Lady Tourbillon Enamel are vivid proof that technical sophistication can also be womanly. One encircles its tourbillon with a diamond ring setting the seal on the union of beauty and femininity. The other surrounds the horological complication with an incredible fan-shaped array of diamonds, mother-of-pearl, aventurine and genuine feathers unfurling across the dial in a fascinating Art Deco spirit. The third invites the tourbillon carriage into a plant-life kingdom where nature reigns supreme in all its radiant vibrancy.

Enamelled watches: a time-honoured art dedicated to fine watchmaking
Destined to meet and mingle within the workshops of the Manufacture, fine watchmaking and the art of miniature enamel painting share the same love of detail, the same rigorous standards, the same brilliantly skilled execution stemming from patient craftsmanship. Guided by the hand, the eye and the heart, watchmakers and enamellers alike devote meticulous care to creating miniaturised masterpieces. Of all the known techniques in this field, miniature enamel painting is probably the most accomplished form of this age-old art to which the new models released in 2011 pay vibrant tribute. They also showcase an enamelling process that goes back to the Renaissance, meaning translucent enamels combined with guilloché work to achieve a striking depth effect. These techniques are among the most precious of all the pictorial arts. No longer officially taught in art schools, they are exacting disciplines mastered by an exclusive circle of artisans perpetuating their know-how from one generation to the next.

The Master Minute Repeater provides a stunning setting for the crystal-clear tones of the gongs sounding the hours, quarters and minutes. This timepiece marrying the pictorial artistry of a-miniature enamel painted dial with the symphonic splendour of one of the greatest horological complications is a concentrated blend of expertise. Miniature enamel painting is highly prized by collectors thanks to its great artistic and historical value. The making of the enamelled dial of the Master Minute Repeater calls for around a hundred hours of intense concentration and a large number of delicate and essential operations. The enameller must also display absolute precision in order to guarantee the perfect running of the watch mechanism and not to exceed the infinitely small tolerances of around 2/10ths of a millimetre. Before starting the painting as such, he prepares the white or translucent enamel and covers the other side of the dial plate with a layer of enamel backing intended to prevent any distortion of the metal during firing. He then begins the decorative work by using an extremely fine brush to apply successive layers of colours that are fired in the oven one after another. This testimony to the talent of the enamel artisans would not be complete without a demonstration of the horological mastery embodied in Jaeger-LeCoultre Calibre 947. Cleverly combining form and substance, the Master Minute Repeater reveals the gongs of its minute repeater mechanism through an aperture at 4 o’clock.

In its gem-set version, the Master Grand Tourbillon Enamel plays with light and shade to set the sophisticated complication off to its best advantage. The white gold case featuring hand-engraved sides provides a stunning showcase for one of the finest gems from the Manufacture and for one of the most exceptional ornamental techniques. Surrounded by the glow of a bezel set with baguette-cut diamonds, two cranes perch delicately on the engraved midnight blue dial. Crafted using the translucent guilloché enamelling technique, this model enhances the exquisite refinement of its miniature motif with an incredible depth effect. Before applying the successive layers of transparent enamel, the artisan performs meticulous hand-guilloché work on the metal base plate. He then adds a layer of white enamel known as grisaille on the part to be decorated. After firing the piece in the over, the enameller works with blanc de Limoges, using a needle or a fine brush to apply various layers and densities in order to create grey and white effects that he can then combine with colour oxides. Like a trompe l’oeil painting, the engraved translucent enamel highlights every detail of the motif with infinite precision. Within a relief effect accentuated by the light playing across the outlines of the designs, a range of miniature elements such as the plumage of the birds, the curve of their neck and the refinement of the guilloché work, converge to literally give life to the watch. A life that beats to the cadence of the mechanical automatic movement, Jaeger-LeCoultre Calibre 978.

Celestial Collection: the celestial standard-bearers of the watchmaking art cultivated by Jaeger-LeCoultre
Three models epitomising the know-how of Jaeger-LeCoultre succumb to the charms of precious stones. Uniting the talent of its jewellers and watchmakers, the celestial collection treats the Grande Complication models from the Manufacture to a new and infinitely precious execution.

Featuring a platinum case majestically crowned with baguette-cut diamonds, the Master Gyrotourbillon 1 appears enhanced by the radiance of a dial adorned using the rock setting technique, with baguette-cut diamonds carefully arranged to depict the vault of the Sistine Chapel. The poetic “canopy of heaven” below is majestically represented by an aventurine starry sky forming an intensely beautiful jewel case studded with gold specks and surrounding the gravitational magic of the gyrotourbillon. Born from the imagination of the gemsetters of the Manufacture, rock setting reveals the fire of the baguette-cut diamonds by entirely concealing the matter holding them in place. The resulting mystery is a secret jealously kept by the artisans at Jaeger-LeCoultre, and this magnificent stage-setting is perfectly matched by the complexity of the manually-wound movement, Jaeger-LeCoultre Calibre 177.

Incorporating three complications elegantly combining the noblest traditions with avantgarde technology – a minute repeater, a celestial flying tourbillon and a sidereal zodiac calendar – the Master Grande Tradition Grande Complication uses precious stones to trace the contours of its mechanism. Splendid baguette-cut diamonds invade the white gold case, while subtly graded shades of blue sapphires on the dial form the sky chart of the Northern hemisphere. A rotating ring also adorned with diamonds and sapphires further enhances the magnificent overall effect. Such a vision naturally called for the splendour of Jaeger-LeCoultre Calibre 945, comprising 527 parts hand-assembled and adjusted by a single watchmaker, in order to ensure the perfection of its accurate running.

Equipped with Jaeger-LeCoultre Calibre 978, an automatic tourbillon movement featuring a titanium carriage and a high-inertia balance, the Master Grand Tourbillon expresses its sophistication through two dazzling versions: one in pink gold set with brilliant-cut diamonds, and the other in white gold paved with baguette-cut diamonds. Both opt for the intensity of aventurine as a backdrop for this impressive horological feat. The marquetryworked stone creates an iridescent and rigorously geometric effect dotted with tiny gold inclusions that shimmer in the light. Backstage, the Jaeger-LeCoultre Calibres 978 automatic tourbillon movement vibrates with appropriate regularity, in step with the gentle to-and-fro motion of the finely crafted gold oscillating weight.

(IT)
Sublimazione della meccanica. Esaltazione del savoir-faire manifatturiero. Emozione e attesa. Fascino e desiderio. La sfida quotidiana che affrontano gli artigiani della Manifattura Jaeger-LeCoultre è immensa. Ognuno esperto nella propria arte, questi artigiani riuniscono il proprio talento per comporre le più straordinarie sinfonie. Gioiellieri, smaltatori, bulinisti, incisori e orologiai hanno il dono di creare l’alchimia tra tecnica ed estetica, fondello e forma, ingranaggi e decori, che infondono in ogni orologio anima e passione. Come un libro aperto sugli arcani dell’arte, le novità 2011 raccontano l’incontro dell’uomo, del Bello e del tempo e incidono la loro storia nell’eternità.

Scintillante sfilata, la madreperla naturale, l’avventurina, i diamanti, lo smalto e le piume accompagnano con grazia e sofisticazione i tourbillon, i calendari perpetui, le ripetizioni minuti e altre indicazioni giorno/notte. La nuova collezione Master Lady propone una lettura raffinata del tempo declinata al femminile. Gli esemplari smaltati coniugano oggi un’arte secolare le cui lettere della nobiltà s’iscrivono a mano, con una minuzia spinta all’estremo. Gli orologi da uomo offrono alle complicazioni orologiere della Manifattura una nuova esecuzione, immagine del tempo: infinitamente preziosa. Ogni novità, a suo modo, rende omaggio a questi artigiani manifatturieri che hanno attraversato le epoche e continuano ad arricchire il patrimonio di Jaeger-LeCoultre con la loro creatività.

Collezione Master Lady: l’eterno femminino
La silhouette è morbida, le rotondità sensuali, l’eleganza innata. Gioco della seduzione, la nuova collezione Master Lady propone i suoi ornamenti più belli. Senza tempo, la sua forma gestisce le ore in un eterno girotondo. Le dimensioni della sua cassa, vestita d’acciaio, d’oro rosa o d’oro bianco, si adattano ai polsi più delicati. Una fila di diamanti taglio brillante ne sottolinea il profilo fino alle anse, che giocano con raffinatezza in una nuova estetica che accentua sempre più la femminilità di questo segnatempo. Omaggio al tempo, un diamante invertito sottolinea la corona. La lunetta tempestata illumina un volto raffinato su cui sovrastano generose lancette smussate. Mentre il chemin de fer delle ore esibisce numeri contemporanei in tutta rotondità, il quadrante è impreziosito, a seconda dei modelli, da un guilloché centrale circolare, da un intarsio in madreperla, da diamanti o piume. Dietro la grazia e la purezza che emana la collezione disponibile su bracciale di satin o d’oro incastonato, si cela un cuore meccanico a carica automatica realizzato nella più pura tradizione dell’Alta Orologeria.

Il Master Lady Night & Day dedica i suoi 29 mm di diametro a un’indicazione giorno/notte, animata a ore 6 dal Calibro Jaeger-LeCoultre 967A. Il lato iridato dalla madreperla è illuminato dai diamanti, una raffinatezza che valorizza le funzioni orologiere.

Dotati del celebre Calibro Jaeger-LeCoultre 978, i segnatempo Master Lady Tourbillon, Master Lady Tourbillon Wild e Master Lady Tourbillon Enamel dimostrano che la tecnica può anche declinarsi al femminile. Il primo offre un anello di diamanti al suo tourbillon per suggellare l’unione della bellezza e della meccanica. Il secondo esalta la complicazione orologiera con un incredibile ventaglio di diamanti, madreperla, avventurina e vere e proprie piume che si dispongono sul quadrante in uno spirito Art Déco. Il terzo invita la gabbia del tourbillon in un mondo vegetale smaltato secondo le regole dell’arte dove la natura si rivela vivace e radiosa.

Gli orologi smaltati: un’arte secolare al servizio dell’Alta Orologeria
Destinati a incontrarsi negli atelier della Manifattura, l’Alta Orologeria e l’arte dello smalto in miniatura condividono lo stesso amore per il dettaglio, lo stesso rigore, la stessa virtuosità d’esecuzione che si acquisisce solo al prezzo di un paziente lavoro. Entrambi guidati dalla mano, dall’occhio e dal cuore, orologiaio e smaltatore fanno della minuziosità il loro complice migliore per creare capolavori di miniaturizzazione. Tra tutte le tecniche ad oggi conosciute, la pittura in miniatura su smalto rappresenta probabilmente la forma più riuscita di questa antichissima arte. Le novità 2011 le rendono decisamente omaggio. Mettono in luce un processo di smaltatura che risale al Rinascimento, lo smalto traslucido, che si sposa con il guillochage per realizzare un sorprendente rilievo. Queste tecniche figurano tra le più preziose di tutte le arti pittoriche. Discipline che raramente vengono insegnate oggi, utilizzate solo da rari artigiani che perpetuano il proprio savoir-faire di generazione in generazione.

Nel paesaggio color bronzo del Master Minute Repeater risuona il suono cristallino dei gong che battono le ore, i quarti e i minuti. Unendo l’arte pittorica di un quadrante in smalto in miniatura con l’arte sinfonica di una delle più grandi complicazioni orologiere, il segnatempo è un concentrato di savoir-faire. La pittura in miniatura su smalto incontra il favore dei collezionisti per il suo immenso valore artistico e storico. La realizzazione del quadrante smaltato del Master Minute Repeater rappresenta un centinaio di ore di concentrazione e un gran numero di operazioni tutte delicate ed essenziali. Lo smaltatore deve inoltre dar prova di assoluta precisione per garantire il perfetto funzionamento del meccanismo orologiero e non superare le tolleranze minime dell’ordine di 2/10 di millimetro. Prima della vera e propria fase di pittura, prepara lo smalto bianco o traslucido e ricopre il retro della piastra del quadrante con uno strato di smalto che viene chiamato « controsmalto » destinato ad evitare deformazioni del metallo durante la cottura. Intraprende quindi il lavoro di decorazione applicando strati di colore con l’ausilio di un pennello estremamente fine che saranno successivamente passati al forno. Una testimonianza del talento degli artigiani smaltatori che non sarebbe completa senza una dimostrazione della maestria orologiera incarnata dal Calibro Jaeger-LeCoultre 947. Senza dimenticare di abbinare il fondello e la forma, il Master Minute Repeater lascia apparire a ore 4 i timbri della ripetizione minuti.

Nella versione incastonata, il Master Grand Tourbillon Enamel si diletta a giocare con le ombre e la luce per mettere in evidenza la sua grande complicazione. Incisa a mano sui lati, la cassa d’oro bianco costituisce uno scrigno su misura per accogliere uno dei fiori all’occhiello della Manifattura e una delle tecniche ornamentali più straordinarie. Nel cerchio di una lunetta incastonata di diamanti baguette, due gru cinerine si posano delicatamente sul quadrante blu notte precedentemente inciso. Realizzato secondo la tecnica dello smalto traslucido guilloché, questo esemplare aggiunge alla finezza del suo decoro in miniatura un effetto di incredibile profondità. Prima di posare gli strati successivi di smalto trasparente, l’artigiano realizza a mano un minuzioso guillochage sulla piastra metallica di base. Pone quindi uno strato di smalto bianco, il grisaille, sulla parte destinata a essere decorata. Dopo la cottura, lo smaltatore lavora con il « bianco di Limoges » usando l’ago o il pennello, con diversi strati e densità, per dare al materiale effetti di grigi e bianchi, ai quali può in seguito mescolare ossidi di colore. Come un trompe-l’oeil, lo smalto traslucido inciso evidenzia il minimo dettaglio del decoro con una precisione infinita: in un rilievo accentuato dalla luce che si riflette sui contorni dei disegni, il piumaggio degli uccelli, il movimento del collo, la raffinatezza del guilloché sono altri elementi in miniatura che danno letteralmente vita all’orologio. Vita che batte al ritmo delle oscillazioni del movimento a carica automatica Calibro Jaeger-LeCoultre 978.

Gli astri dell’arte orologiera di Jaeger-LeCoultre: un trionfo di luci
Tre modelli emblematici del savoir-faire di Jaeger-Lecoultre soccombono al fascino delle pietre preziose. Riunendo il talento dei suoi gioiellieri e dei suoi orologiai, la collezione celeste offre alle grandi complicazioni della Manifattura una nuova esecuzione infinitamente preziosa.

Dotato di una cassa in platino maestosamente coronata da diamanti baguette, il Master Gyrotourbillon 1 si concede uno sfavillante quadrante incastonato secondo la tecnica del rock setting, i cui diamanti baguette accuratamente disposti disegnano la volta della Cappella Sistina. A un livello inferiore, la volta celeste è maestosamente rappresentata da un cielo stellato in avventurina, intenso scrigno costellato da paillettes d’oro che accoglie in sé la magia gravitazionale del gyrotourbillon. Nato dall’immaginazione degli incastonatori della Manifattura, il rock setting rivela il fuoco dei diamanti baguette facendo scomparire totalmente il materiale che li contiene. Il mistero è totale, il segreto gelosamente conservato dagli artigiani di Jaeger-LeCoultre. Una scenografia all’altezza della complessità del movimento a carica manuale, il Calibro Jaeger-LeCoultre 177.

Integrando tre complicazioni che uniscono con eleganza le più fiere tradizioni a una tecnologia all’avanguardia (una ripetizione minuti, un tourbillon volante celeste e un calendario zodiacale siderale), nel Master Grande Tradition Grande Complication le pietre preziose disegnano i contorni della sua meccanica. Sontuosi diamanti baguette investono lo spazio della cassa lavorata in oro grigio mentre un camaïeu di zaffiri blu forma sul quadrante la carta celeste dell’emisfero settentrionale. Un anello girevole ornato anch’esso da diamanti e zaffiri aggiunge splendore all’insieme. Da non dimenticare il Calibro Jaeger-LeCoultre 945, i cui 527 pezzi sono tutti assemblati e regolati a mano da un unico orologiaio, per perfezionare la precisione del marchio.

Dotato del Calibro Jaeger-LeCoultre 978, un tourbillon automatico con gabbia in titanio e un bilanciere a grande inerzia, il Master Grand Tourbillon declina la sua sofisticazione in due versioni: una in oro rosa incastonato di diamanti taglio brillante, l’altra in oro grigio tempestato di diamanti baguette. Entrambe scelgono l’intensità dell’avventurina per mettere in scena la prodezza orologiera. Lavorata ad intarsio, la pietra semipreziosa rende iridescente il quadrante con una geometria rigorosa cosparsa di minuscole inclusioni d’oro che risplendono alla luce. Dietro le quinte, il Calibro Jaeger-LeCoultre 978, tourbillon automatico, freme con la necessaria regolarità, seguendo il va e vieni di una massa oscillante intagliata nell’oro.

Source / Fonte: Jaeger-LeCoultre

Advertisements
  1. Leave a comment

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: